martedì 6 marzo 2012

Quanti modi di fare e rifare: I Cjalsons aromatici


RICETTE PERVENUTE VIA E-MAIL DA NO-BLOGGER

Per "Quanti modi di fare e rifare" del 6 marzo 2012

Ricetta di Marika




Per la pasta:

  • 300 gr farina 00
  • 50 gr di burro fuso
  • 2 uova
  • Sale acqua q.b.
Impastare gli ingredienti, tagliare la pasta a strisce e poi ritagliare dei cerchi. Lasciar riposare.

Per il ripieno:

  • 200 gr di purè
  • 200 gr di formaggio Asiago grattugiato
  • 100 gr di ricotta
  • Prezzemolo tritato, erba cipollina e noce moscata
  • 2 cucchiai di grappa bianca dolce
Preparare il purè e lasciar raffreddare, grattugiare l’Asiago ed unirlo al purè insieme alla ricotta. Aggiungere le erbe e la grappa, mescolando bene e lasciar riposare.
Riprendere la pasta e mettere nel centro il ripieno, chiudere a mezzaluna bagnando i bordi, chiudere intorno.

Per il condimento:

  • croccanti cubetti di speck rosolati
  • Burro color nocciola
  • Prezzemolo tritato
  • A piacere, cannella tritata.
Far cuocere i cjarsons in acqua bollente, ma a fuoco basso, scolarli con un mestolo forato e condirli con lo speck e il burro.






Ricetta di Maria Vittoria






Considerato il periodo quaresimale la mia scelta è caduta su un ripieno di magro cercando di mantenere la componente dolce e salata del piatto.
Per la pasta ho aumentato le dosi perchè mi servivano 3 porzioni e così ho usato:

150 gr farina 00;
38 gr burro ;
50 – 60 gr circa di acqua ;
7 gr sale


Per il ripieno ho usato
due manciate di spinaci ed erbette (circa 80 gr di ciascuna verdura. Il peso si riferisce alla verdura già cotta),
¼ di cipolla bianca,
25 gr burro,
3 – 4 cucchiai (circa 100 gr) di ricotta fresca alla panna,
3 cucchiai di parmigiano reggiano,
un pugnetto di prezzemolo,
un cucchiaino di maggiorana,
un cucchiaio di pinoli,
mezzo cucchiaino di cannella con un pizzico di zucchero,
sale q.b.,
una spolverata di pepe nero.


Per il condimento ho fatto una besciamella con 300 ml latte, 30 gr di burro, 30 gr di farina, sale qb, una spolverata abbondante di noce moscata, ed infine una spolverata di semi di papavero

PROCEDIMENTO
Ho preparato la pasta seguendo la ricetta guida di Stefania: fatta la fontana, inserito al centro il burro fuso con il sale e inizialmente 30 gr di acqua. Ho cominciato ad impastare aggiungendo poi altra acqua poco alla volta fino ad ottenere un impasto morbido che, fatta la palla ed avvolto in una pellicola, ho lasciato riposare per circa 30 minuti.
Intanto ho preparato il ripieno così: ho tritato la cipolla bianca e l'ho fatta appassire con un goccio di acqua, ho aggiunto una noce di burro (25 gr) , gli spinaci e le erbette precedentemente scottati e tritati . Tolto dal fuoco ho unito la maggiorana, il prezzemolo tritato, i pinoli pestati, la cannella con il pizzico di zucchero, il sale, il pepe, la ricotta a cucchiai (3-4 equivalenti a circa 100 gr regolarsi ad occhio anche in base alla ricotta più o meno cremosa e umida) ed il parmigiano.

Ho steso l'impasto con il mattarello in una sfoglia sottile, ricavato dei cerchi che ho farcito con il ripieno, chiusi a mezzaluna e sigillati ai bordi con i rebbi di una forchetta.

Mentre attendevo il bollore dell'acqua ho preparato la besciamella con abbondante noce moscata.

Ho tuffato i Cjalsons nell'acqua bollente salata e dopo circa un minuto sono venuti a galla pronti per essere conditi con la besciamella ed una spolverata di semi di papavero.

Ne sono uscite tre porzioni che abbiamo gustato con piacere; i miei giudici più severi (marito e figlio) hanno promosso questo piatto a noi sconosciuto e particolare!

1 commento:

  1. Complimenti per il suo blog!!!
    bravissime Marika e Maria Vittoria!

    RispondiElimina

Le nostre cucine aperte vi accolgono con amicizia, rispetto e simpatia...ci auguriamo di ricevere lo stesso trattamento.

I commenti anonimi non sono graditi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...